mercoledì, 19 gennaio, 2022
Sei qui: Home / S / SOLARIS - regia Andrea De Rosa

SOLARIS - regia Andrea De Rosa

"Solaris" di Andrea De Rosa "Solaris" di Andrea De Rosa

di David Greig

traduzione Monica Capuani

tratto dall’omonimo romanzo di Stanislaw Lem

regia Andrea De Rosa

con Federica Rosellini, Giulia Mazzarino, Sandra Toffolatti, Werner Waas

Umberto Orsini in video
progetto
sonoro G.U.P. Alcaro

scena e costumi Simone Mannino

disegno luci Pasquale Mari
video D-Wok

produzione Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, Teatro Nazionale di Genova

Filmati gentilmente concessi da ESA/NASA

Visto al Teatro Mercadante di Napoli, dal 17 al 28 novembre 2021

www.Sipario.it, 1 dicembre 2021

Il tecnologico impianto scenografico occupa l’intero palcoscenico e una parte della platea sgombra di poltroncine, con gli spettatori a ridosso del grande piano inclinato. In cima domina un grande schermo luminoso sferico dove scorrono immagini dello spazio (filmati della terra riprese dalla stazione orbitante internazionale ISS, tratti da materiali d’archivio dell’European Space Agency concessi da Esa/Nasa). Sotto, da una botola azionata da un gigantesco marchingegno che si abbassa e si alza aprendo e chiudendo, si accede all’interno della stazione spaziale, spazio che ingloba lo sguardo del pubblico. Un forte rumore meccanico accompagna lo sblocco del portellone dal quale spunta un astronauta. Sfilandosi l’ingombrante scafandro, appare una donna: la psicanalista Kris Kelvin. È qui arrivata per verificare cosa sia successo ai tre scienziati di cui non si hanno notizie, da tempo impegnati in una missione di raccolta dati, e chiudere l’esperimento disponendone il loro rientro a Terra. È l’inizio di Solaris, il lavoro teatrale del regista Andrea De Rosa nell’adattamento di David Greig, dall’omonimo romanzo del 1961 del polacco Stanisław Lem. Tradotto anche in un film (1972) da Andrei Tarkovsky, e successivamente da Steven Soderbergh nel 2002, il libro racconta quanto espresso nelle righe sopra circa i personaggi della stazione orbitante intorno al misterioso pianeta Solaris. Quell’oceano gelatinoso è un enigma insondabile per gli scienziati. Il loro tentativo, fallimentare, di comunicare con quel corpo celeste, ha generato solo frustrazione. Considerato vivo, Solaris agisce senza interagire direttamente con gli umani, o meglio, senza chiarire le sue intenzioni. Sembra che faccia anche esperimenti sugli scienziati e sulla loro psiche generando misteriose presenze, i cosiddetti “visitatori”; ma è solo un'ipotesi, perché potrebbe anche essere che le sue azioni non abbiano alcun significato. Rimarrà un enigma, dove i personaggi interpretano solo il ruolo di spettatori o vittime. Operazione di grande suggestione e attualità l’allestimento di De Rosa il quale, nella riflessione più generale sui limiti e confini della conoscenza umana, sulla capacità dell’uomo di comprendere tutti i meccanismi dell'universo, immette ulteriori interrogativi sul nostro tempo. «Chi sono io? Chi siamo noi veramente? Ho letto Solaris durante la quarantena – racconta il regista - e mi aveva molto colpito l’idea che gli esseri umani potessero essere il virus e che il pianeta fosse costretto a reagire e a difendersi dalla loro presenza. Solaris è una vera e propria creatura, un pianeta vivente che attraverso il suo immenso oceano cerca di comunicare con gli uomini attraverso i loro desideri, che riesce a materializzare sotto forma di fantasmi». Ad attestare il riferimento al nostro tempo pandemico, lo esprime uno degli scienziati in una frase del testo: «Penso che noi siamo un agente inquinante. Penso che la nostra presenza vicino a Solaris abbia in qualche modo fatto reagire il suo oceano come a un’invasione, a un virus». Nello sviluppo della storia apprendiamo subito della morte di uno dell’equipaggio avvenuta forse per cancro o per suicidio (un superbo Umberto Orsini ripreso in video dentro un lattiginoso ambiente ionizzato); assisteremo al sopraggiungere di un “visitatore” che non è più un uomo come nel testo originale, ma – identità modificata dal regista -, una donna, ovvero la ‘rappresentazione’ di una persona amata, o del suo doppio. La sua presenza sarà oggetto di turbamenti e di tormenti mentali ed emotivi, e modificherà gli eventi già sconvolti da precedenti apparizioni di replicanti o proiezioni del subconscio degli altri scienziati. Perfetta prova attorale dei quattro interpreti che ci conducono nell’avvincente viaggio, con, in testa, la giovane Federica Rossellini nel ruolo della psicanalista, e Sandra Toffolatti, Warner Waas, Giulia Mazzarino. Si esce dal teatro arricchiti, coscienti ancor di più dell’impossibilità per l’uomo di potersi conoscere a fondo. Lo esprime bene l’autore di Solaris Stanisław Lem: «L'uomo è uscito per consultare altri mondi e altre civiltà senza aver esplorato il proprio labirinto di passaggi oscuri e camere segrete, e senza trovare cosa si cela dietro le porte che lui stesso ha sigillato».

Giuseppe Distefano

Ultima modifica il Domenica, 05 Dicembre 2021 00:15

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.