lunedì, 20 maggio, 2024
Sei qui: Home / V / VALERIA E YOUSSEF - regia Andrea Chiodi

VALERIA E YOUSSEF - regia Andrea Chiodi

Mariangela Granelli e Ugo Fiore in "Valeria e Youssef", regia Andrea Chiodi Mariangela Granelli e Ugo Fiore in "Valeria e Youssef", regia Andrea Chiodi

di Angela Dematté
regia di Andrea Chiodi
con Mariangela Granelli e Ugo Fiore
scena di Guido Buganza
luci di Cesare Agoni
video di Sergio Fabio Ferrari
musiche di Daniele D’Angelo
produzione Centro Teatrale Bresciani
al Teatro Mina Mezzatri, Brescia, 12 aprile 2024

www.Sipario.it, 28 aprile 2024

Valeria Collina è la madre di Youssef Zaghba che il 3 giugno 2017 ha partecipato all'attentato di Londra facendo parte del commando jihadista che ha ucciso, armato di coltelli, otto persone sul London Bridge. Youssef aveva 22 anni ed è stato ucciso insieme agli altri terroristi durante lo scontro con la polizia. Questi i dati di pura cronaca che sono premessa e conseguenza di Valeria e Youssef di Angela Dematté, un dialogo nato dall’incontro fra la drammaturga e Collina e dalla disponibilità di quest’ultima nell’affidarle la sua storia. Dopo aver affrontato il rapporto fra Margherita Cagol, brigatista rossa, col padre in Avevo un bel pallone rosso, Dematté torna non tanto e non solo sul terrorismo in sé, ma sull’urgenza di avere orizzonti di certezza di giovani in cerca di un loro posto nel mondo e il rapporto – contraddittorio e intenso – con le figure genitoriali. 

Il rapporto fra Valeria, madre occidentale convertita all’Islam, e il figlio Youssef, i cui segnali di radicalismo emergono pian piano, si costruisce in uno spazio astratto – ideato da Guido Buganza -, animato solo da improvvise proiezioni video, costruito su prospettive pure. Gli attori non hanno alcun appiglio se non una sedia, il velo per lei, le scarpe che indossa e toglie o il giubbotto per lui. Tutto è parola e relazione, tutto si costruisce nella capacità di far crescere quell’incontro/scontro, quei silenzi e quel bisogno di amore, di risposte affidate a uno spazio buio e che si illumina di prospettive inattese come quella relazione. Quelle risposte Youssef le trova nei maestri dell’islamismo più radicato e a nulla serve il sapere da convertita della madre che legge il corano, le sure in un’ottica non integralista. E se la radicalizzazione di Youssef è una sottotraccia, ciò che emerge nel dialogo fra madre e figlio è il bisogno di ascolto, l’incapacità di dare risposte da parte della madre alle inquietudini del figlio e un senso di impotenza che attraversa la donna, di fronte a quel figlio grande che sta in casa, sembra aver rinunciato alla vita. La scrittura diretta e controllata di Angela Demattè – nata e nutrita dell’incontro con Valeria Collina – dialoga in maniera armonica con la regia pulita, essenziale, delicata ma inflessibile di Andrea Chiodi che, come è nel suo stile, sa confezionare un allestimento pulito, senza fronzoli che dice ciò che mostra e dà forma alle intenzioni che hanno mosso il progetto: dare vita alla storia di due persone e non scivolare nei personaggi. A questa esigenza rispondo con minimalismo nei toni e nei gesti e intensa presenza attoriale sia Mariangela Granelli che Ugo Fiore, credibili nei loro ruoli, ma soprattutto capaci di dare a quelle parole scolpite nell’attualità dei fatti e nell’eternità delle relazioni fra madre e figlio una credibilità che a tratti commuove e li rende persone e non attori che vestono i panni di personaggi, per quanto reali. In questo controllato clima di testimonianza teatrale il rapporto fra madre e figlio, il legame con la religione, l’ascolto delle domande e la possibilità di risposta sono un tutt’uno che ci appartiene e ci colpisce, a tratti fino alle lacrime. Valeria e Youssef è un lavoro che merita di girare, essere mostrato ai ragazzi e divenire occasione di riflessione. 

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Lunedì, 29 Aprile 2024 23:12

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.